Napoli e la Campania, riti antichi e solarità
Destinazioni

Napoli e la Campania, riti antichi e solarità

Dal capoluogo di regione, “custode” di tradizioni millenarie, ai borghi che affacciano sul Mar Tirreno, la Campania custodisce una ricchezza unica

Nel Medioevo e fino al Risorgimento la città di Napoli, terra di commercio e navigazione, era una delle città più popolose del mondo. Un vero melting pot di genti con la fortuna di vivere in un luogo dominato dalla sagoma del Vesuvio e la vista sul Mar Tirreno.

Gioielli della natura che ancora oggi attraggono visitatori da tutto il mondo. Napoli e la Campania tramandano una cultura sinonimo di bellezza, buona cucina (che dire della pizza, che nel mondo non ha bisogno di alcuna traduzione?), riti, solarità.

D’autunno i quartieri del capoluogo richiamano i turisti alla ricerca delle più recenti statuine del presepe, opere d’arte forgiate (a mano) dagli artigiani che omaggiano calciatori, personaggi noti e celebrità varie. D’inverno le spiagge della Campania si spopolano dalle “masse”, ma grazie al clima mite e la tranquillità diffusa sono ammantate di poesia. D’estate la costiera (quella Amalfitana, con Amalfi e Positano, e quella cilentana più a sud) pullulano di vitalità e viaggiatori a “caccia” di ricordi indelebili.

La Campania è un concentrato di opportunità.

Grandi e popolose città condividono l’attrazione con piccoli borghi affacciati sul mare. Luoghi che hanno in comune l’autenticità di una proposta in costante ascesa.

Proposte diversificate quelle di JoinBed, che in Campania ha selezionato esperienze spesso da “tutto esaurito”. Un esempio? La Casa del tiro con l’arco, ad Agropoli, in provincia di Salerno, all’interno del Parco Nazionale del Cilento, Valle di Diano e Alburni, dove la passione dell’host, Giuseppe Mondelli, per uno sport che qui è davvero molto popolare si trasforma nella possibilità di imparare la tecnica di arco e frecce. In un campo sportivo attrezzato e ufficiale, sede anche di tornei di scala regionale.

In alternativa? Si può gustare la buona cucina casalinga alla Casa di Ada, a Cuma (frazione di Pozzuoli, alle porte di Napoli), dove l’host Ada Goeldrin organizza una vera masterclass per imparare le migliori ricette partenopee. E nel tempo libero imperdibile una visita all’area archeologica degli Scavi di Cuma in quella che fu la più antica colonia greca d’Occidente.

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato sulle nuove destinazioni!

cognome: 

nome:         

email:         

 

Oppure
Questo indirizzo email non è ancora attivo: devi confermare l'account dall'email che ti abbiamo inviato durante la registrazione
Oppure

Hai già un account?

Controlla la tua email

A link to reset the password has been sent to

Reimposta la tua password

Grazie

La tua password è stata resettata correttamente