fbpx
La casa dell’olio, il turismo esperienziale di Joinbed
Cibo

La casa dell’olio, il turismo esperienziale di Joinbed

Quando parliamo di turismo si apre un mondo, ognuno ha il suo modo di intendere un viaggio che sia esso di piacere ma anche di lavoro. Fino a qualche tempo fa, quando pensavo a prenotare un viaggio mi sembrava quasi scontato semplicemente scegliere il luogo e, dunque, l’hotel.

Oggi il mio modo di fare è molto cambiato, tant’è che quando viaggio amo calarmi nella vita quotidiana dei luoghi che mi ospitano e vivere appieno le loro tradizioni.

Per questo motivo ho subito sposato il progetto Joinbed, per affinità di idee. Joinbed è un portale di turismo esperenziale che offre la possibilità di viaggiare vivendo esperienze autentiche. Il leitmotiv è change is a journey: le esperienze che viviamo lasciano sempre traccia e sono spesso motivo di cambiamento.

vicoli-borgo-medioevale

La Casa dell’Olio

Assieme a Joinbed, qualche settimana fa, ho vissuto un’esperienza unica, incentrata su uno dei prodotti che più amo della nostra cucina: l’olio extra-vergine d’oliva, prodotto a la casa dell’olio. Mi sono diretta a Castelnuovo di Farfa in provincia di Rieti, in pieno territorio Sabino.

ulivi casa dell'olio joinbed campagna

Come arrivare: da Roma si arriva in treno a Fara Sabina e da lì a Castelnuovo, al centro del paese.

L’area in cui ci troviamo è ricca di borghi medievali, abbazie e conventi. Percorrendo queste strade, in collina, è impossibile non notare l’abbondante presenza di ulivi secolari che rappresentano una risorsa grandissima per la popolazione.

joinbed castelnuovo di farfa frantoio

L’experience

Proprio su una di queste colline nasce la Casa dell’Olio dove Lida e suo marito Luciano mi accolgono calorosamente. Loro sono i miei local heroes e saranno la mia guida! Sono una coppia bellissima ed affiatata, mi sono sentita a casa in un attimo. Entrambi, da sempre, vivono in campagna, amano profondamente la natura ed i suoi ritmi. Lida gestisce la casa e si dedica alla cura della sua terra e dell’orto. Siamo circondati da ulivi e qui, tutto l’anno sembra essere scandito dai loro tempi di maturazione.

stanza matrimoniale joinbed strumenti antichi casa dell'olio

Le gemme di queste piante si dischiudono in primavera ed i germogli crescono fino ad autunno inoltrato quando, in base alle condizioni climatiche viene scelto il momento giusto per la raccolta. Franco e Lida mi spiegano che il grado di maturazione è una delle caratteristiche fondamentali che determinano poi la qualità e le proprietà organolettiche dell’olio.

Appena terminata la raccolta, con Lida, ci dirigiamo al frantoio. Qui le olive vengono portate appena raccolte per avviare, in tempi più brevi possibili, la molitura. Le olive vengono quindi private delle foglie e ripulite per essere spremute. Il profumo qui è davvero inebriante ed io non vedevo l’ora di assaggiare… Lida mi ha accontentata, decisamente!!!

casa dell’olio joinbed castelnuovo di farfa

Insieme abbiamo preparato la pasta fresca, tagliatelle e fregnacce. I condimenti sono tipicissimi del territorio: tagliatelle alla sabinese con pomodoro e olive; fregnacce con la persa, ovvero un pesto semplicissimo preparato con olio e maggiorana, di una bontà assoluta!!!

casa dell’olio joinbed castelnuovo di farfa casa dell’olio joinbed castelnuovo di farfa frantoio

La cena con Lida e Luciano è piacevolissima e l’entusiasmo nel presentare i prodotti della loro terra è più che evidente: salumi, formaggi, marmellate e il loro fantastico olio su fettine di pane croccante sono assolutamente irresistibili, che ve lo dico a fà!

La casa dell’olio è un vero e proprio ritrovo per gli amici di Franco e Lida, sarà per il grande portico, per il forno in cui Lida prepara pizze e focacce o per le fantastiche grigliate ma insomma c’è sempre da stare in compagnia. Così la domenica è stata delle più tradizionali: una lunga tavolata, polenta al sugo di salsiccia e mega grigliata…vino buono l’ho detto?!

casa dell’olio joinbed castelnuovo di farfa frantoio casa dell’olio joinbed castelnuovo di farfa frantoio casa dell’olio joinbed castelnuovo di farfa frantoio

Un Giro al Borgo

Castelnuovo di Farfa conserva tutta la fisionomia e le caratteristiche degli antichi borghi medievali, viuzze e piccole piazze, portoni ed angoli pieni di fascino, qui la passeggiata è davvero d’obbligo. Non vi sarà difficile notare lungo il cammino il simbolo del nocciolo d’oro quello del frutto dell’ulivo, importantissimo per gli abitanti di questa cittadina.

casa dell’olio joinbed castelnuovo di farfa frantoio

casa dell’olio joinbed castelnuovo di farfa frantoio

Sempre a Castelnuovo, Lida mi consiglia di visitare il Museo dell’Olio. Ecco, direi che è stata un’esperienza totalmente diversa da quella che mi aspettavo. Un vero e proprio museo d’arte moderna ispirato a tradizioni secolari. Siamo in un palazzo del ‘500 e, fin da subito, è chiaro quanto la storia di questa terra e delle sue tradizioni si allacci al percorso dell’arte seguendo il filo dell’olio!

casa dell’olio joinbed castelnuovo di farfa frantoiocasa dell’olio joinbed castelnuovo di farfa frantoiocasa dell’olio joinbed castelnuovo di farfa frantoio

Molte delle installazioni presenti nel museo sono opere dell’artista sarda Maria Lai.

A pochissimi chilometri da qui sorge l’Abbazia Benedettina di Farfa, uno dei luoghi religiosi più importanti del Lazio. Anche qui, passeggiare tra le viuzze del borgo e sedersi a bere un caffè diventa un’esperienza assolutamente imperdibile.

Abbazia Benedettina di Farfa joinbed

Abbazia Benedettina di Farfa

Chi ha sete di conoscere i tempi della natura e i ritmi di un popolo dalla tradizione secolare non può che tornare a casa felice!

casa dell’olio joinbed castelnuovo di farfa frantoio